I MORTI DI ALOS

I MORTI DI ALOS

Produtzione/Produzione
Babel
Tempus/Durata
30'
Annus/Anno
2011
Pelicula Curtza

Antonio Gairo est s'unicu chi est abarradu in vida a pustis de sa disaura terribile chi in su 1964 at colpidu Alos, una bidda de sa Sardigna de mesu chi como est bivia solu dae pantamas. Totu in unu a s'omini torrat sa memòria chi aiat perdidu dae tempus e incumintzat a contare, cun lutzididade manna, sa vida de sa bidda prima de sa disgràssia, torrande a ponnere paris sos fatos chi ant fatu lompere a cussa tragèdia. Su film p onet paris fintzione e documentàriu. tzinema e literadura e contat, usende medas filmados de repertoriu, su passu fatale, fatu dae una comunidade pitica de pastores in sos annos '50, fache a sa modernidade. Su film mesturat s'iconografia clàssica de sa Sardigna antiga cun sas atmosferas e s'ammaju de su genere gòticu.

Antonio Gairo è l'unico sopravvissuto a un terribile disastro che nel 1964 colpì Alos, un paesino al centro della Sardegna, oggi cupo villaggio fantasma. Una volta tornati i suoi ricordi, racconta la vita del villaggio prima del fatidico evento e in modo incredibilmente chiaro, ricostruisce le circostanze che hanno portato alla tragedia. Un mix tra finzione e documentario, cinema e letteratura, il film utilizza un'ampia gamma di filmati d'archivio per raccontare il fatale passo verso la modernità compiuto da una piccola comunità di pastori negli anni Cinquanta, mescolando l'iconografia classica sulla Sardegna arcaica con le suggestive e affascinanti atmosfere legate al genere gotico.

de/di Daniele Atzeni
Tempus/Durata: 30’
Annus/Anno: 2011
Narratore/Boghe: Alessandro Valentini, Giovanni Carroni
Sogetu/Soggetto: Daniele Atzeni
Fotografia/Fotografia: Paolo Carboni
Musicas/Musiche: Stefano Guzzetti
Montagiu/Montaggio: Daniele Atzeni
Effetti/Effetti: Andrea Iannelli